Terraviva | Studio Terraviva ha seguito il Piano di Sviluppo Locale della Lomellina
Studio Terraviva ha seguito il Piano di Sviluppo Locale della Lomellina
studio Terraviva, Vigevano, Piano di Sviluppo Locale della Lomellina
588
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-588,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
 

Filiera Forestale in Oltrepo

Progetto AttivAree Oltrepò (bio)diverso

Category
Foreste, Territorio
About This Project

Committenti: Fondazione per lo Sviluppo dell’Oltrepò Pavese

Fondazione Cariplo

 

La Fondazione per lo Sviluppo dell’Oltrepò Pavese è capofila del Progetto Oltrepò (bio)diverso sostenuto da Fondazione Cariplo nell’ambito del Programma AttivAree, mirato a riattivare e aumentare l’attrattività delle Aree Interne lombarde. Il progetto ha un valore complessivo di quasi 6 milioni di Euro e l’obiettivo di rivitalizzare il territorio migliorando le condizioni economiche e sociali e creando benessere per la popolazione attuale e potenziale.

 

Per la valorizzazione della risorsa forestale, abbondante e attualmente sottoutilizzata, è stata elaborata una strategia di ampio respiro a medio termine, che vede anche il coinvolgimento diretto dei Consorzi forestali. La strategia prevede:

  • Conoscenza: censimento e mappatura delle foreste e dei pascoli, per creare una banca dati e un approfondito corpo di conoscenze funzionale alla successiva fase di gestione;
  • Gestione: realizzazione di Piani di Assestamento Forestale e attivazione di una nuova filiera.

 

Nel corso del 2017 lo studio Terraviva, a partire dai dati del primo rilievo LIDAR realizzato in Lombardia, ha realizzato l’inventario delle aree destinabili a pascolo, analizzando un territorio di 18000 ettari; per conto dei Consorzi forestali Reganzo e Alta Valle Staffora ha invece creato il geo-database delle proprietà conferite, per una superficie di circa 1700 ettari. Attualmente è in corso la stesura dei Piani di Assestamento Forestale dei due Consorzi, sempre ad opera di Terraviva.

Un’ulteriore opportunità offerta dai boschi dell’Oltrepò deriva dalla quantificazione dei servizi ecosistemici forniti e dalla possibilità di una loro monetizzazione.