Terraviva | Studio Terraviva ha seguito il Piano di Sviluppo Locale della Lomellina
Studio Terraviva ha seguito il Piano di Sviluppo Locale della Lomellina
studio Terraviva, Vigevano, Piano di Sviluppo Locale della Lomellina
520
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-520,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
 

Infrastrutture Verdi

«Infrastrutture verdi a rilevanza ecologica e di incremento della naturalità»

Category
Ambiente, Paesaggio, Territorio
About This Project

Committenti: Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico – Fondazione Sviluppo Ca’ Granda, Morimondo

Società Agricola Dendron, Vigevano

Azienda Agricola Isola, Langosco

 

  • progettazione preliminare, inclusiva di piani di manutenzione e gestione
  • redazione e presentazione della domanda di contributo secondo le disposizioni del bando
  • richiesta autorizzazione paesaggistica
  • direzione lavori
  • collaudo delle opere

 

Nel 2017 Terra Viva ha presentato quattro progetti per la realizzazione di “infrastrutture verdi”, da finanziarsi con un bando che prevede la copertura economica totale per gli interventi.

I progetti presentati sono stati tutti ammessi a finanziamento, collocandosi nel primo quarto della graduatoria; si tratta degli unici progetti privati ammessi a finanziamento, per un importo complessivo di oltre 1.600.000 €.

 

Il progetto di Fondazione Ca’ Granda presenta tre aspetti di particolare rilievo:

  • estensione: 2200 ettari di terreni agricoli interessati
  • struttura “a rete” dell’intervento: gli elementi lineari realizzati (filari, fasce arboreo-arbustive e prative) aumentano la connettività tra gli elementi di valore naturalistico già presenti, raccordandosi alla rete ecologica esistente e infittendola
  • carattere interaziendale: sono coinvolte una decina di aziende agricole; al termine è previsto un monitoraggio faunistico a cura di Fondazione Lombardia per l’Ambiente.

A ciò si somma lo spiccato valore paesaggistico ed estetico dell’intervento, che contribuisce alla valorizzazione dell’identità dei luoghi coinvolti. Ne conseguono una positiva ricaduta d’immagine per l’Ente e le aziende agricole attuatrici e l’incremento della qualità dei percorsi di fruizione e turismo dolce (cicloturismo in primis) che attraversano l’area.

L’intervento si configura quindi come un’azione sinergica che genera molteplici effetti positivi per il territorio che interessa.

 

I progetti proposti dalle aziende agricole Dendron e Isola rappresentano importanti interventi di riqualificazione fluviale, collocati rispettivamente ai margini dei fiumi Ticino e Sesia. Entrambi ricadono in aree protette e sono esempi di iniziative aziendali che contribuiscono al conseguimento dell’interesse pubblico.

In entrambi i casi sono state realizzate zone umide perifluviali affiancate ad imboschimenti ed aree prative aperte, per una superficie complessiva di 28 ettari e quasi 9 km di strutture arboree lineari. In particolare l’intervento a Langosco è stato progettato per valorizzare la vocazione turistico-ricreativa del luogo, anche in considerazione dell’attività agrituristica svolta dall’azienda proponente.